Archivi categoria: mamme e bimbi

Rimedi naturali, e non, contro i Pidocchi.

Mikpid

Che paura!!! Tempo fa una mia conoscente mi ha fatto ‘una capa tanta’ sui pidocchi. Tutti in casa sua erano stati infestati e per 2 giorni la sua casa era diventata un lazzeretto di appestati con trattamenti in testa, lavatrici a pieno carico e aspirapolveri che praticamente lavoravano da sole h24. Insomma una tragedia.
….mi sembrava l’avesse un po’ ingigantita… Ma come spesso capita, ride bene chi ride ultimo!
Continua a leggere

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in bimbi crescono, donne, lo abbiamo provato per voi, mamme e bimbi, vita quotidiana

SIAMO SOLO NOI

Qualche mese fa la mia amica, la Psicologa mi ha proposto una pazzia … il concerto di Vasco Rossi a Milano con i nostri bimbi ( ovvio uno solo perché se andavamo al concerto di Vasco con 4 figli eravamo ancora in stato confusionale), senza pensarci mi son detta che poteva essere una bella esperienza ( tranne per il portafoglio, quello sta ancora piangendo).

Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in donne, mamme e bimbi, vita quotidiana

Pensiero libero.

È curioso come oggi abbia letto un articolo che ha avuto oltre 1000 share su facebook, l’abbia commentato a modo mio e ancora i miei commenti non siano stati approvati. Che abbia ragione?

foto

Da sgamata pubblicitaria e conoscitrice del mondo del web marketing il dubbio che si insinua in me è più che palese. Vuoi vedere che questi hanno tirato fuori un bell’articolo denigratorio del libro ‘Fate la Nanna’ giusto per promuovere la sfilza di libri che hanno nello slider (banner) in primo piano??? Ma va?? Davvero?? Ma guarda un po’ quanti bei titoli alternativi e rassicuranti da vendere a quelle mamme “diversamente Estivill”!!

…e voi ci cascate tutte, una a una!

foto (2)
L’articolo in questione è apparso sul blog Bimbonaturale tanto seguito e stimato.  Se leggete tra i commenti c’è questo che in poche parole riassume il mio pensiero: Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in bimbi crescono, bimbi difficili, donne, lo abbiamo provato per voi, mamme e bimbi, moglie e marito, pappe, pannolini e..., psicologia e affini, vita quotidiana

Le colonne d’Ercole

Gibilterra-nel-racconto-di-Sergejs-2
Ognuno ha nella propria vita le proprie colonne d’Ercole, quelle persone che nonostante tutto e nonostante tutti ci sono, sono pronti ad aiutarti, a consigliarti, senza giudicare ti sono vicine, ti sostengono quando la terra comincia a tremare sotto i piedi.
Per me sono i miei genitori.
Due persone uniche per me, che mi hanno capito, mi hanno ascoltato e sono quel faro che riesco a vedere anche quando sono in mezzo alla tempesta. Sono riuscita fin da piccola a parlare di qualsiasi cosa con loro, e mi rendo conto che sono una persona fortuna, anzi Fortunata con la F maiuscola.
Quando anche io sono diventata genitore loro si sono tramutati in dei fantastici nonni, ma non hanno mai lasciato il primo ruolo, quello di babbo e mamma per me.
Se dovessi esprimere un desiderio vorrei poter essere questo per i miei figli, essere la loro colonna d’Ercole, lasciandoli crescere, sbagliare, ma con la consapevolezza che io ci sarò sempre per loro, un piccolo porto sicuro… chissà se ci riuscirò….

Lascia un commento

Archiviato in mamme e bimbi, psicologia e affini, questione di cuore, vita quotidiana

Vacanze…separate

TrunkigiramondoDSC_0686_thumb3
L’essere un genitore separato di porta a provare delle emozioni che mai avresti pensato di provare.
Quando si è genitori capita spesso di essere sopraffatti dalla rabbia, dalla stanchezza, capita di pensare “ma un paio di giorni da soli… no?” ecco quando si è separati questo non succede più perché l’essere soli è compreso nel pacchetto.
Il dover stare senza i proprio figli deve diventare una regola, che purtroppo non è sempre facile da accettare.
Tante mie amiche mi dicono che sentono la casa vuota se i figli vanno un fine settimana dai nonni (ovviamente parlo di bimbi piccoli eh? No di adolescenti o maggiorenni che votano) io ho imparato a convivere con quel silenzio, per cause di forza maggiore, ma quello a cui non mi sono abituata è il saluto per i 15 giorni di vacanza. Ecco quello è davvero straziante, il saluto di per se lo è secondo me. Il pensiero che loro vanno via e tu no, il pensiero che per 15 giorni non li vedrai, il pensiero che in 15 giorni loro cresceranno e tu non sarai li con loro.. non potrai vedere con i tuoi occhi i loro progressi, i loro sorrisi… ed ovviamente anche le loro lacrimucce quando si arrabbieranno, quando cadranno o si faranno la Bua.
Cerchi ogni possibile pensiero che ti faccia vedere il lato positivo, il bello… anche di questo.
Però si sa, l’essere umano è egoista di natura e quindi alla fine la vocina dentro di te che ti dice “ mi mancheranno…fa male“ prende il sopravvento, ti fa scendere le lacrime.
Pensi che in tante famiglie separate non va così “bene” che talvolta le cause legali diventano lunghe ed estenuanti, con genitori che si ritrovano a vedere i propri figli.. in cartolina.
Quindi ributto indietro le lacrime, penso che staranno bene, che vedermi allegra per loro è importante, e che quindi lo devi fare .. per loro.. punto non c’è alternativa.
In questi momenti ripenso sempre alle parole di una persona a me molto cara che quando diventai mamma per la prima volta mi disse “ ricordati sempre.. i figli non sono una nostra proprietà… non li dobbiamo trattare come tali “ però diciamocelo, talvolta è più forte di noi.

2 commenti

Archiviato in mamme e bimbi, problemi di cuore, psicologia e affini, vita quotidiana

Innamorarsi alle elementari – part. 2

cioccolatini-cuore
Le grandi domande arrivano sempre, pensi di saper rispondere, poi però ti capita che alcune domande ti arrivino in un momento particolare della tua vita, in cui tu riesci a rispondere usando solo parole… diciamo non molto carine e gentile, ed allora devi mettere in moto il cervello perché tuo figlio non aspetta, ti guarda con gli occhini e ti dice “allora?????“. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in bimbi crescono, mamme e bimbi, questione di cuore, vita quotidiana

Che perle…

68754_1618950163893_5050474_n
Le perle di saggezza di mio figlio talvolta mi sconvolgono, qualche volta (nonostante i suoi 8 anni) dimostra di capire le titubanze di noi “femmine”; come l’altro giorno che mi ha comunicato che al prossimo corso di nuoto avrei dovuto accompagnarlo io… secondo me la mia faccia con l’occhio pallato gli ha fatto capire che non la ritenevo proprio proprio un’ottima idea, specie quando ha aggiunto “ poi tu entri in acqua e mi aspetti …” Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in bimbi crescono, donne, mamme e bimbi, vita quotidiana