Archivi categoria: vita quotidiana

SIAMO SOLO NOI

Qualche mese fa la mia amica, la Psicologa mi ha proposto una pazzia … il concerto di Vasco Rossi a Milano con i nostri bimbi ( ovvio uno solo perché se andavamo al concerto di Vasco con 4 figli eravamo ancora in stato confusionale), senza pensarci mi son detta che poteva essere una bella esperienza ( tranne per il portafoglio, quello sta ancora piangendo).

Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in donne, mamme e bimbi, vita quotidiana

Pensiero libero.

È curioso come oggi abbia letto un articolo che ha avuto oltre 1000 share su facebook, l’abbia commentato a modo mio e ancora i miei commenti non siano stati approvati. Che abbia ragione?

foto

Da sgamata pubblicitaria e conoscitrice del mondo del web marketing il dubbio che si insinua in me è più che palese. Vuoi vedere che questi hanno tirato fuori un bell’articolo denigratorio del libro ‘Fate la Nanna’ giusto per promuovere la sfilza di libri che hanno nello slider (banner) in primo piano??? Ma va?? Davvero?? Ma guarda un po’ quanti bei titoli alternativi e rassicuranti da vendere a quelle mamme “diversamente Estivill”!!

…e voi ci cascate tutte, una a una!

foto (2)
L’articolo in questione è apparso sul blog Bimbonaturale tanto seguito e stimato.  Se leggete tra i commenti c’è questo che in poche parole riassume il mio pensiero: Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in bimbi crescono, bimbi difficili, donne, lo abbiamo provato per voi, mamme e bimbi, moglie e marito, pappe, pannolini e..., psicologia e affini, vita quotidiana

10 sotto un tetto – parte 1

foto3

Questo è l’anno delle novità ( oltre che essere un anno di ca…bip bip..ca ma questo è un altro discorso ) nuove vacanze, nuova località, nuovi amici e via.
Allora devo dire che in molti ci avevano sconsigliato di fare un salto nel buio come quello di affittare una casa per 15 giorni in …10 .. 5 adulti e 5 bimbi – praticamente si poteva giocare a calcetto senza problemi –

Contro ogni aspettativa siamo riusciti vittorioso nell’impresa, ci siamo riusciti senza sbranarci, senza picchiarci, ma anzi direi che ci siamo divertiti!!!!!

Gestire 5 bimbi non è stata un’impresa da poco e ancora una volta il mio pensiero va a quella vecchietta che in molti a Campi conoscono di nome Suor Adelina ( età non pervenuta ) che riesce a tenere 30 bambini, noi in 5 si vacillava ogni tanto a guardarne SOLO 5!!!!

Non è stato facile vedere dopo tanti tanti anni un “nuovo” mare sono sincera, specie per mio figlio che era già partito gagliardo con la maschera e dopo 20 cm mi ha detto “ Ma non c’è nulla da guardare qui mamma!!!! “. Non è facile pensare a quello che stanno facendo i tuoi vecchi amici in quel momento, non è semplice guardare il tramonto e pensare che dall’altra parte del mare c’è un angolino della tua vita, ma anche questa è andata… mi son fatta due polpacci ad andare ogni giorno in bicicletta che quasi quasi partecipo ai mondiali di ciclismo!

Un consiglio su tutti per chi vuole intraprendere la nostra avventura, lasciate a casa la voglia di discutere, di polemizzare, non siate pignoli, lasciate vivere e quando la cosa non crea un DOLORE FISICO assecondate gli altri … una volta per uno non fa male a nessuno, portatevi dietro la tollorenza, la voglia di divertirsi… e LO SPRAY PER LO ZANZARE perché tanto quelle dovunque andiate arrivano sempre a rompere le scatole!!!!!!

Lascia un commento

Archiviato in bimbi crescono, diario di viaggio, vacanze, vita quotidiana

Le colonne d’Ercole

Gibilterra-nel-racconto-di-Sergejs-2
Ognuno ha nella propria vita le proprie colonne d’Ercole, quelle persone che nonostante tutto e nonostante tutti ci sono, sono pronti ad aiutarti, a consigliarti, senza giudicare ti sono vicine, ti sostengono quando la terra comincia a tremare sotto i piedi.
Per me sono i miei genitori.
Due persone uniche per me, che mi hanno capito, mi hanno ascoltato e sono quel faro che riesco a vedere anche quando sono in mezzo alla tempesta. Sono riuscita fin da piccola a parlare di qualsiasi cosa con loro, e mi rendo conto che sono una persona fortuna, anzi Fortunata con la F maiuscola.
Quando anche io sono diventata genitore loro si sono tramutati in dei fantastici nonni, ma non hanno mai lasciato il primo ruolo, quello di babbo e mamma per me.
Se dovessi esprimere un desiderio vorrei poter essere questo per i miei figli, essere la loro colonna d’Ercole, lasciandoli crescere, sbagliare, ma con la consapevolezza che io ci sarò sempre per loro, un piccolo porto sicuro… chissà se ci riuscirò….

Lascia un commento

Archiviato in mamme e bimbi, psicologia e affini, questione di cuore, vita quotidiana