Archivi categoria: psicologia e affini

Vacanze…separate

TrunkigiramondoDSC_0686_thumb3
L’essere un genitore separato di porta a provare delle emozioni che mai avresti pensato di provare.
Quando si è genitori capita spesso di essere sopraffatti dalla rabbia, dalla stanchezza, capita di pensare “ma un paio di giorni da soli… no?” ecco quando si è separati questo non succede più perché l’essere soli è compreso nel pacchetto.
Il dover stare senza i proprio figli deve diventare una regola, che purtroppo non è sempre facile da accettare.
Tante mie amiche mi dicono che sentono la casa vuota se i figli vanno un fine settimana dai nonni (ovviamente parlo di bimbi piccoli eh? No di adolescenti o maggiorenni che votano) io ho imparato a convivere con quel silenzio, per cause di forza maggiore, ma quello a cui non mi sono abituata è il saluto per i 15 giorni di vacanza. Ecco quello è davvero straziante, il saluto di per se lo è secondo me. Il pensiero che loro vanno via e tu no, il pensiero che per 15 giorni non li vedrai, il pensiero che in 15 giorni loro cresceranno e tu non sarai li con loro.. non potrai vedere con i tuoi occhi i loro progressi, i loro sorrisi… ed ovviamente anche le loro lacrimucce quando si arrabbieranno, quando cadranno o si faranno la Bua.
Cerchi ogni possibile pensiero che ti faccia vedere il lato positivo, il bello… anche di questo.
Però si sa, l’essere umano è egoista di natura e quindi alla fine la vocina dentro di te che ti dice “ mi mancheranno…fa male“ prende il sopravvento, ti fa scendere le lacrime.
Pensi che in tante famiglie separate non va così “bene” che talvolta le cause legali diventano lunghe ed estenuanti, con genitori che si ritrovano a vedere i propri figli.. in cartolina.
Quindi ributto indietro le lacrime, penso che staranno bene, che vedermi allegra per loro è importante, e che quindi lo devi fare .. per loro.. punto non c’è alternativa.
In questi momenti ripenso sempre alle parole di una persona a me molto cara che quando diventai mamma per la prima volta mi disse “ ricordati sempre.. i figli non sono una nostra proprietà… non li dobbiamo trattare come tali “ però diciamocelo, talvolta è più forte di noi.

2 commenti

Archiviato in mamme e bimbi, problemi di cuore, psicologia e affini, vita quotidiana

Chiusa una porta….

Quando finisce un amore…. cosa resta? Questa domanda mi gira incessantemente nella testa, mi chiedo se restano le cose belle o solo le cose brutte, se i ricordi rimangano oppure dal dolore, dalla tristezza pian pianino gli mandiamo via, come se fosse questa la cura, come se qualcuno potesse resettarti il cervello, on/off e ripartire da capo. Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in donne, matrimonio, moglie e marito, problemi di cuore, psicologia e affini, questione di cuore, vita quotidiana

Ci sono coppie che…

Ogni mamma la pensa a modo suo. Ogni pediatra ha una sua visione delle cose. I metodi e le regole si sprecano, si evolvono, nascono e muoiono di continuo. Ma poi alla fine quello che conta è come la pensiamo noi, le scelte che facciamo in base a come e quanto conosciamo i nostri figli. E poi anche quello che vogliamo per la nostra famiglia.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in 9 mesi, allattamento al seno, bimbi crescono, donne, gravidanza, indipendenza, mamme e bimbi, moglie e marito, psicologia e affini, vita quotidiana

Son tutte belle le mamme…

“Son tutte belle le mamme del mondo…” recitava una famosa filastrocca, ecco, questo dovrebbe essere l’unica cosa che una neo mamma dovrebbe sentire.

Immagine

Perdonate la mia sincerità, se volete anche la mia inesperienza (sono mamma da 7 anni, di due bimbi) ma francamente son stufa e anche dispiaciuta. Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in donne, mamme e bimbi, psicologia e affini